Skip to content

Arnica: un rimedio naturale per traumi e reumatismi

2017 febbraio 10

Le cure naturali svelano le meravigliose proprietà di piante e fiori e sono un’occasione per conoscere e amare la varietà di rimedi ancora utilizzati nelle cure omeopatiche e fitoterapiche. La pianta dell’arnica è una di queste: con la sua fioritura giallo sole ravviva il panorama montano all’inizio dell’estate e proprio nel suo fiore raccoglie una serie di potenti sostanze per la cura dei traumi e come  rimedio per i dolori reumatici, tanto da essere conosciuta come panacea lapsorum, ovvero rimedio alle cadute e quindi perfetta contro lividi, distorsioni, contusioni ma anche artriti e reumatismi.

Come molte piante medicinali occorre fare attenzione a non utilizzarla su ferite aperte, non assumerla per bocca perchè ha un grado molto elevato di tossicità, ed evitare l’uso nelle cure per i bambini.

Per chi desidera produrre una pomata curativa può acquistare o meglio ancora realizzare, un macerato in olio (oleolito) o una tintura madre cioè la macerazione in alcol dei fiori essicati che si trovano facilmente in erboristeria o nelle vecchie farmacie erboriste.

Nella ricetta che segue si prevede l’uso dell’oleolito di arnica. La preparazione dell’oleolito la potete leggere in questo post.

Pomata all’arnica

Ingredienti

75 gr. oleolito di arnica macerato in olio di mandorla

25 gr. olio di cocco

20 gr. di cera d’api

Cosa occorre

1 pentola bassa per il bagno caldo, 1 ciotola che possa essere del diametro giusto per il bagno maria caldo, 1 frusta, 1 cucchiaino, 1 spatola in silicone, 1 barattolo, 1 bilancia che pesa il grammo, 1 termometro lungo ad alcol o in silicone.

Procedimento

Mettete l’oleolito in una ciotola con la cera d’api e scaldateli dolcemente a bagno maria, facendo attenzione a non superare i 65° per non distruggere le proprietà dell’oleolito. Per interrompere la temperatura preparate un bagno maria freddo nel lavandino dove immergete la ciotola per qualche minuto in modo da interrompere l’aumento della temperatura. Una volta sciolta tutta la cera, fate raffreddare completamente il composto nel bagno maria freddo. Quando la crema inizia a solidificarsi soprattutto sui bordi è il momento in cui siete pronti per invasettare. Versate la pomata in un contenitore con bocca larga e se riciclate dei vecchi vasetti ricordate di lavarli bene e sterilizzateli in acqua bollente.

Norme igieniche e conservazione

Prima di iniziare la preparazione della pomata, pulite bene con alcol le superfici e tutto quello che serve per la preparazione (ciotola, frusta, ecc.). Per questo tipo di preparazione indossate sempre guanti monouso.

2 Responses leave one →
  1. maggio 4, 2017

    Ho navigato più di 3 ore in rete, ma non avevo ancora trovato
    un articolo così interessante. Se tutti i siti avessero contenuti fatti così
    bene, il web sarebbe molto più interessante da leggere.
    Un caro saluto.

  2. Paola Lambardi permalink*
    maggio 17, 2017

    Grazie per i complimenti! Il futuro del web sarà anche questo: contenuti originali con la possibilità di ricercarli in maniera più facile e veloce. Stay tuned ;)

Leave a Reply

Note: You can use basic XHTML in your comments. Your email address will never be published.

Subscribe to this comment feed via RSS